I Maestri

I MAESTRI

Day Navigation

ASHTANGA YOGA

Maharishi Patanjali

IV sec. A.C.

Patanjali è il grande saggio che ha codificato e compilato in modo sistematico l'arte e la scienza dello Yoga negli Yoga Sutra, antico testo che delinea in modo sintetico l'arte e la scienza dello Yoga per l'ottenimento della realizzazione spirituale attraverso 8 fasi (aṣṭāṅga, "otto membra"): yama, niyama, āsana, prāṇāyāma, pratyāhāra, dhāraṇā, dhyāna, samādhi. L'opera consiste in una raccolta di 196 aforismi, ovvero brevi e significative frasi concepite per essere memorizzate con facilità, come era costume ove la tradizione orale era il mezzo principale per condividere e tramandare la conoscenza.

Considerato erroneamente da alcuni come il fondatore del sistema dello yoga, in realtà con la sua opera non ha creato nulla di nuovo ma ha piuttosto riassunto in modo estremamente organizzato e conciso quelle che erano le antiche pratiche tramandate oralmente da secoli.

Le prove archeologiche e altri testi dimostrano infatti che i metodi descritti negli Yoga Sutra venivano praticati già nel 3000 AC, mentre la tradizione orale sostiene una datazione addirittura precedente.

Sri T. Krishnamacharya

18 Novembre 1888 - 28 Febbraio 1989

Sri Tirumalai Krishnamacharya è stato un grande insegnante di yoga, medico ayurvedico ed erudito vissuto in India. La sua erudizione e la laurea acquisita nei 6 darśana ortodossi della Tradizione vedica gli valsero importanti titoli come Sāṃkhya-yoga-śikhāmaṇi, Mīmāṃsā-ratna, Mīmāṃsā-thīrtha, Nyāyācārya, Vedāntavāgīśa, Veda-kesari and Yogācārya. Ampiamente considerato come uno dei più influenti maestri di yoga del 20° sec. è accreditato con il merito di avere contribuito grandemente alla diffusione dello hatha-yoga yoga in India e in Occidente, per questa ragione viene spesso definito "il padre dello yoga moderno".

Infatti girò tutta l'India per promuovere lo yoga sotto il patrocinio del re di Mysore, Krishna Raja Wadiyar IV, tenendo conferenze e facendo dimostrazioni compresa l'interruzione controllata del battito cardiaco. Autore di diversi libri, fu maestro di alcuni fra i più influenti e rinomati insegnanti come Indra Devi, K. Pattabhi Jois, B.K.S. Iyengar, T.K.V. Desikachar, Srivatsa Ramaswami e A. G. Mohan.

Come yogi ha praticato con Sri Rama Mohan Brahmachari in una grotta isolata ai piedi del Monte Kailash sull'Hymalaya, trascorrendo sette anni e mezzo a studiare gli Yoga Sutra di Patanjali e a memorizzare tutto lo Yoga Kurunta di Vamana Rishi (antico testo che descrive il vinyāsa, metodo che combina il respiro con il movimento), testo che fu poi da lui ritrovato in una biblioteca di Calcutta. A causa dell'alta considerazione di cui godeva come studioso gli fu offerta più volte la posizione di Acharya nello Srivaishnava sampradaya, ma rifiutò per restare con la sua famiglia e dedicarsi all'insegnamento dello yoga in accordo al desiderio del suo guru.

David Garrigues

David Garrigues è un insegnante di yoga riconosciuto a livello internazionale ed è noto in particolare per essere stato il creatore di "Asana Kitchen", una delle principali risorse online per l'apprendimento dello yoga su YouTube. Viaggia molto negli Stati Uniti, in Europa e in India tenendo seminari, approfondimenti e ritiri.

Ha scritto diversi libri sul tema dello yoga, come "Vayu Siddhi: Segreti del respiro yogico", "Re delle asana: padronanza dei principi di bilanciamento e inversione" ed altri. Per quasi 30 anni David ha mantenuto una pratica personale costante ed entusiasta, dedicata allo studio degli asana e del pranayama nella tradizione Ashtanga. La sua intensa dedizione alla pratica e all'insegnamento ispira i suoi studenti che formano una comunità di apprendimento globale eterogenea, aperta e seria.

David è uno dei pochissimi insegnanti di Ashtanga yoga ad aver ricevuto la certificazione di insegnante direttamente da Pattabhi Jois. Incontrò Pattabhi Jois nel 1993 e per i successivi 16 anni andò nel Mysore in India per più di 12 volte per studiare e praticare col suo maestro. Nel 1996, dopo che Pattabhi Jois gli concesse la certificazione, tornò a Seattle ed aprì il primo centro di Ashtanga yoga della città. Nel 2002 David ospitò a Seattle Pattabhi Jois (insieme alla figlia Saraswathi e al nipote Sharath).

Come ambasciatore dell'Ashtanga Yoga basa i suoi insegnamenti sull'idea instillatagli dai suoi maestri, che "ognuno può praticare". È attualmente dedicato a condividere la bellezza e l'essenza dell'Ashtanga Yoga con chiunque desideri intraprendere questo incredibile percorso di benessere.

BHAKTI YOGA

Sri Chaitanya Mahaprabhu

1485 - 1533

Apparve in India nella città di Nabadwip, nel Bengala Occidentale, nell'anno 1486 con il nome Vishvambara Mishra. La sua apparizione come Yuga-avatara era stata già predetta in varie Scritture sacre come ad esempio il Brahama-yamala, il Krsna-yamala o la Mundaka Upanisad ed altre.

Negli anni della sua gioventù dimostrò subito grande erudizione e profonda conoscenza delle scritture vediche, tanto da guadagnarsi un'ampia fama. All'età di 22 anni prese l'iniziazione da Sri Ishvara Puri all'interno della Madhwa Sampradaya, e due anni più tardi a soli 24 anni s i voti dell'ordine di rinuncia di fronte all'acharya e sannyasi Keshava Bharati, acquisendo il nome di Kṛṣṇa Caitanya.

Tra i vari motivi della sua apparizione è contemplato quello di stabilire lo yuga-dharma, il metodo religioso prescritto per l'epoca attuale (dove regnano ipocrisia e discordia e le qualità spirituali nell'umanità si sono fortemente degradate) che consiste nel canto dei Santi Nomi e nella recitazione di mantra.

È considerato il fondatore della Brahma-Madhva-Gaudiya-Sampradaya, una sampradaya autentica e riconosciuta all'interno della Tradizione Vedica.

Srila Bhaktivedanta Swami Prabhupada

1 Settembre 1896 - 4 Novembre 1977

Maestro di Bhakti-yoga, erudito di Sanscrito e ambasciatore della Cultura Vedica nel mondo, Srila Bhaktivedanta Swami Prabhupada è un Acharya noto ed apprezzato a livello accademico per aver tradotto e diffuso la conoscenza dei Veda rendendola accessibile al mondo intero.

Nacque in una famiglia Vaishnava e studiò dapprima in un college gestito dal governo britannico. La sua vita cambiò nel 1922, in seguito all'incontro con il suo maestro spirituale Srila Bhaktisiddhanta Sarasvati Thakura.

Nel 1965, all'età di 70 anni, s'imbarcò solo su una nave mercantile in rotta verso gli Stati Uniti con alcuni suoi manoscritti, qualche libro e solo 40 rupie. Stabilitosi inizialmente a New York, influenzò con il fascino della sua personalità, con la sua devozione e conoscenza numerosi giovani e meno giovani, nonché filosofi, professori universitari, eruditi ed esperti di religione.

Tradusse dal Sanscrito e pubblicò in circa 80 lingue numerose opere essenziali della Tradizione Vedica come la Bhagavad-gita, lo Srimad Bhagavatam, la Sri Isopanisad e tante altre, rendendo possibile per la prima volta la diffusione del Bhakti Yoga e della pratica dei mantra in Occidente.

Srila Bhaktivedanta Narayana Maharaja

Nato nel villaggio di Tewaripur, vicino alle rive del sacro fiume Gange nello stato del Bihar (India) in una famiglia molto religiosa di Trivedi Brahmana, è stato il principale discepolo del suo maestro spirituale Srila Bhaktiprajnana Kesava Goswami Maharaja, confratello nonché grande amico e sannyasa-guru di Srila Bhaktivedanta Swami Prabhupada, il divulgatore del Bhakti Yoga famoso in tutto il mondo.

Srila Narayana Maharaja ha risieduto principalmente a Mathura (Vrindavana, India) e per circa 70 anni ha insegnato il Bhakti-yoga, l'attività naturale dell'anima immortale.

Nonostante la sua avanzata età, a partire dal 1996 Srila Narayana Maharaja ha compiuto ogni anno due volte il giro del mondo visitando molti Paesi in America, Australia, Europa e Asia. Come erudito dei Veda, gli antichi testi della conoscenza trascendentale, ha tradotto e pubblicato più di trenta volumi contenenti le sue spiegazioni. I suoi lavori sono stati tradotti in Inglese e in altre lingue.

Per il suo contributo alla ricerca dell'amore per Dio e alla fratellanza universale, e per il suo servizio volto al bene dell'umanità, nel 2003 Srila Maharaja è stato insignito del titolo di Yuga-acharya (Maestro del Millennio) dai rappresentanti delle varie religioni facenti parte del Parlamento Religioso del Mondo. Non considerandosi meritevole di tale onorificienza, Srila Narayana Maharaja l'ha più volte rifiutata, ma a seguito delle ripetute insistenze dell'Ente promotore ha deciso di accettarla solo "in nome della parampara", la catena disciplica dei maestri all'interno della Sri Gaudiya Sampradaya.